home » musica

TractorCorner #34: A Guy Called Gerald – Black Secret Technology (1995)

12 febbraio 2013 | francesco a.k.a. china 1 commento stampa stampa
 

Continuano gli approfondimenti dedicati agli album più importanti per il movimento jungle/drum’n'bass a cura della redazione di SocaBeat. Dopo Timeless di Goldie, Wormhole di Ed Rush & Optical e Cybotron di Dillinja, è doveroso rispolverare Black Secret Technology di A Guy Called Gerald, un classico col marchio 2 step, pubblicato per la prima volta nel 1995 (e ristampato nel 2009) ad opera della Juice Box Records.

Gerald Simpson a.k.a. A Guy Called Gerald, è un dj e produttore punto di riferimento per la scena acid house inglese che nei primissimi anni ’90 decise di abbracciare l’imperante cultura drum’n'bass che in quegli anni stava oramai toccando l’apice produttivo, sfornando album che oggi sono considerati vere e proprie pietre miliari.

Nel 1995, anno del delirio della drum’n'bass, Black Secret Tecnology sembra prodotto da un’extraterreste: entra nel dancefloor come un fulmine a ciel sereno e con un’energia vibrante inaudita pari a un Dark side of the moon. Assolutamente celestiale e curato in modo spasmodico, per certi versi risulta addirittura migliore del famigerato Timeless di Goldie, perchè al suo interno confluiscono tutte le influenze sonore che canalizzate in un unico flusso, hanno permesso alla drum’n'bass, di non essere soltanto un termine combinato da due elementi con una congiunzione in mezzo.

Una volta schiacciato play, trovi Goldie che firma un featuring in Energy, aggiungendo un tocco sci-fi che ti fa perdere nei flussi sonori e nelle ondate che emana, Silent Cry che ti fa immergere nelle atmosfere ambient, Dreaming of you che ti porge le connessioni con l’Africa e Vodoo Rage che è la traccia jungle per antonomasia.

Il flusso sonoro confezionato da Gerald, costruisce dei confini aleatori tra il buio e la luce, la velocità e la versione onirica del club che mettono in discussione il concetto stesso di dancefloor per una lezione che ha come protagonista la storia del ritmo.

Cose così non se ne sentono più.

ascolta:  


| more
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...

1 commento »

  • www.charmcityyoga.com/?id=279 il 16 agosto 2014 alle 11:11 ha scritto:

    A professional is someone who knows his job and knows all the minute details of an image. People say it’s easy to click a photograph but I say it’s a science that needs good knowledge and information. Lens in camera has different angles and learning this is not easy that what angle suits the current view. Focusing the target structure people is initial stage of it. Though, the experience of years they gained the perfection of high quality pictures and digital photography. They can make a boring thing into interesting one.

lascia un commento:

aggiungi il tuo commento qui, o fai un trackback dal tuo sito/blog. evita di andare fuori tema o di inviare spam... se vuoi lasciare un commento generale, una jastima o un pernacchio vai sul muro