home » musica, recensioni

Recensione: Bonnot / Tracanna / Cecchetto – Drops

19 marzo 2013 | francesco a.k.a. china 1 commento stampa stampa
 

Cover_dropsMusica che rigenera l’anima come se fosse una fonte di energia rinnovabile,  quella contenuta in Drops, il nuovo lavoro firmato da un insolito trio tutto italiano e composto da Bonnot, Tino Tracanna e Roberto Cecchetto. Un unico progetto che fonde le energie e i bagagli culturali di Walter Buonanno a.k.a. Bonnot, dj e producer (Assalti Frontali, Ap2p, Underground Area) che è diventato uno degli esponenti italiani più importanti per l’hip hop e l’emisfero elettronico e dei due musicisti jazz, Tracanna e Cecchetto, che hanno rapito dal loro backround l’improvvisazione e l’allargamento dei confini, traducendo il tutto sotto forma di note.
Un disco con alla base un’intrisa raffinatezza,  insolita per il panorama musicale italiano e che vede le collaborazioni di personaggi completamente diversi fra di loro, da Paolo Fresu a Dj Gruff, passando per M1 dei Dead Prez e General Leavy.

Drops, si basa sostanzialmente sull’incontro tra sostanze musicali completamente diverse fra di loro ma che amalgamandosi alla perfezione, costruiscono nuovi sentieri e nuovi linguaggi sonori. La sensazione della verità di queste parole si tocca con mano in House of Mirrors, che ti fa assaporare frammenti africani, melodie cullate dai morbidi fiati, chitarre esplorative ed un beat che ti fa viaggiare rasoterra. Drops invece, traccia che dà il titolo all’intero album, è arricchita dal prestigioso featuring di Paolo Fresu: la sezione fiati si intreccia con la ritmica condita da Bonnot, tendendo un filo verso un risultato sorprendentemente concreto.

Right Links invece, è la traccia con l’additivo che innalza i toni e fa muovere anche i sensi; Bonnot costruisce grazie alla sezione fiati e ai violini, un beat quasi fosse un Roni Size del 1997, mentre General Leavy si conferma uno di quei vocalist che sulla traccia fa la differenza.

Chiude l’immaginifica Sky of Tibet, con un intro ansioso ed intriso di ombre oscure che fanno ben presto spazio ad un tema, dove l’improvvisazione musicale diventa un arte. La sezione fiati crea un continuo di emozioni sul beat elettronico e i synth distorti del nostro producer, facendo terminare il tutto da dov’era iniziato.

Consigliato vivamente per chi oltre alle orecchie, ha un cervello sensibile ed aperto al melting pot sonoro.

ARTISTA: Bonnot, Tracanna, Cecchetto
TITOLO: Drops
LABEL: Bonnot Music/Goodfellas

TRACKLIST:
1)PROJECT ONE
2)DROPS
3)RIGHT LINKS
4)DEVELOPMENTS
5)CARMELO’S WAY
6)HOUSE OF MIRRORS  
7)SKY OF TIBET

LINK UTILI:
www.bonnot.it

| more
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...

1 commento »

lascia un commento:

aggiungi il tuo commento qui, o fai un trackback dal tuo sito/blog. evita di andare fuori tema o di inviare spam... se vuoi lasciare un commento generale, una jastima o un pernacchio vai sul muro