home » approfondimenti, appunti

Università e autoformazione #4

20 marzo 2014 | milingo 2 commenti stampa stampa
 

aula_universitaa cura di: Sud Comune

La trasmissione di Mercoledì 12 Marzo, è ritornata, come era stato promesso, sui temi dell’università, dei saperi, dell’autoformazione, e sul necessario ripensamento che questi comportano.

Per affrontare la questione abbiamo discusso e parlato sul “nodo della percezione corretta” delle proprie condizioni. In altre parole sul modo come gli studenti, i lavoratori, gli stessi ricercatori, borsisti, professori che vivono e lavorano all’interno dell’Università hanno delle proprie condizioni.

La crisi dell’Università globale e le dismissioni di quella italiana, la massificata esperienza del declassamento come orizzonte permanente, impoverimento, assenza di garanzie e di reddito, indebitamento per il welfare, mobilità sociale bloccata. Sono da molto tempo per noi, più che un’ipotesi. L’assenza di futuro per molti studenti, ricercatori, borsisti si traduce in una insopportabilità del presente.

Abbiamo cercato, nelle precedenti puntate sull’argomento, di focalizzare bene come l’Università, concretamente, è uno dei principali “laboratori” dei “processi di dequalificazione” del “sapere critico”. Il sapere oggi è in crisi, perché è in crisi il “rapporto sociale” al cui interno si produce. Il sapere è mutato, distrutto dalla sua “separatezza”, immerso senza residui “dentro la forma della produzione” e dello “sfruttamento”.

Abbiamo preso atto come all’interno dell’Università si sia consumata quella che era stata la pratica centrale di “costruzione di autonomia” e “conflitto”: l’autoformazione.

A partire da qui, diventa chiaro che l’intervento politico nell’Università o più in generale sui saperi va ripensato! In questa direzione, vogliamo continuare a tematizzare e sforzarci insieme di capire, nell’ambito di una trasmissione come la nostra, le ragioni di chi sceglie di stare dentro l’Università, di chi è incluso e di chi sceglie di stare fuori.

Un dato rilevante è che l’Università perde valore, innanzi tutto per chi vi è incluso, e di conseguenza smarrisce ogni attrattività per chi ha scelto di stare fuori. A dispetto delle “retoriche meritocratiche”, come far saltare i “tappi” che trattengono le possibilità di una “composizione comune” delle lotte e del lavoro vivo?

Gli estratti audio della trasmissione

Quale è lo stato dell’arte dell’Unical? Ne parliamo con Davide, studente UnicalASCOLTA
Le considerazioni di Francesco sulla dismissione delle università italianeASCOLTA
Le considerazioni di Valentina sulla dequalificazione dei saperiASCOLTA
Le considerazioni di Carlo sull’individualizzazione dei saperiASCOLTA
Ancora Davide sulla realtà delle università italianeASCOLTA
Carlo ritorna sull’individualizzazione dei saperi ASCOLTA
Le considerazioni di Francesco e Valentina su autoformazione per la liberazione delle proprie passioniASCOLTA
Le considerazioni di Davide su autoformazione per la riappropriazione dei saperiASCOLTA
Chiusura e prospettive futureASCOLTA

Articoli correlati:

Autoformazione #3

Autoformazione #2

Autoformazione per la ricostruzione dei saperi critici e dell’università

Contatti:

https://www.facebook.com/commonradio

info@sudcomune.it

http://www.sudcomune.it

ascolta:   ascolta:   ascolta:   ascolta:   ascolta:   ascolta:   ascolta:   ascolta:   ascolta:  
| more
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...

2 commenti »

  • splitrock timberland il 17 agosto 2014 alle 23:53 ha scritto:

    “Paul has just made everything easier,” says designer Sigrid Olsen, who was closing stores before Claiborne bought her company in 1999 and now has 48 outlets.

  • ray ban wayfarer colorati il 18 agosto 2014 alle 06:59 ha scritto:

    Vous pouvez obtenir un style haut de gamme 脿 l’aide de mod猫les sobres et garniture de ruban. Hollister et Gap ont r茅cemment ais茅ment 脿 l’aspect d’une poche cargo ajout茅e d’une couleur l茅g猫rement diff茅rente de celle du pantalon. Pour ce look, utiliser un tissu de la courtepointe de haute qualit茅 disponible dans votre magasin d’artisanat local et assurez-vous d’utiliser du fil correspondant et petits points.

lascia un commento:

aggiungi il tuo commento qui, o fai un trackback dal tuo sito/blog. evita di andare fuori tema o di inviare spam... se vuoi lasciare un commento generale, una jastima o un pernacchio vai sul muro