home » appunti

Dolore e rispetto per Gianluca

19 aprile 2011 | Appunti di Sopravvivenza 2 commenti stampa stampa
 

di AteneoControverso

_____

Gianluca prima ancora che un compagno di lotta era un amico fraterno,  sempre pronto a supportare gli altri. La sua improvvisa scomparsa ci lascia  distrutti e attoniti ma con la voglia di ricordarlo per la persona straordinaria  che era, l’amico rassicurante, capace di accompagnarti nei momenti belli  così come in quelli difficili. Non ci dimenticheremo mai del nostro “Panda”,  della sua pacatezza, della sua umanità e della sua ironia. Aveva sempre la  battuta pronta Gianluca, e la diceva tra i denti, nella sua timidezza.

Non era un indifferente, non era una persona qualunque. Era un’attivista  politico che lottava con forza e determinazione per la difesa dei beni comuni,  per la salvaguardia del territorio, per il diritto allo studio, contro le mafie. Credeva e pensava  ad una società diversa da questa che oggi cerca di infangare la sua persona, costruendo su questa  tragedia ipotesi senza fondamento. Qui il nostro pensiero va alla famiglia Grillo, alla quale ci stringiamo  nel cordoglio, consapevoli del fatto che stiano vivendo non una ma ben due tragedie, la morte di un  figlio e la polemica di contorno. Chiediamo dunque innanzitutto rispetto e tatto per Gianluca e per la  sua famiglia, alla stampa e alle voci comuni.

Ed è la stessa richiesta che avanziamo in merito ai compagni coinvolti nelle indagini, certi del fatto che  nessuno di noi gli avrebbe mai fatto del male.

Lasciamo alle indagini il compito di fare chiarezza sul fatto, non lasciamo che terzi avanzino sentenze  affrettate e rilasciate senza cognizione di causa.

Addio Gianluca, oggi abbiamo fatto insieme un altro corteo. Meno rumoroso, meno colorato rispetto a  quelli che facevamo di solito nelle tante città in cui abbiamo portato le nostre battaglie. Ma non sarà  l’ultimo, perché tu verrai sempre con noi e porterai, come sempre, le tue idee.
______

di filorosso

Noi conosciamo Gianluca Grillo. Gianluca farebbe un sorriso, perché tutto questo casino lo imbarazzerebbe: per quanto ci sforziamo, non riusciamo proprio a ricordarcelo nervoso o arrabbiato. Gli amici lo chiamavano Panda: questo nomignolo era dettato dal suo essere pacioso ed accomodante. Il ricordo che abbiamo di lui è quello di un appassionato militante, di un compagno premuroso e di una persona educata. Oltre all’impegno quotidiano nella vita universitaria, attivo nelle lotte sociali del territorio, Gianluca era prima di tutto uno studente di Economia, critico con il primato del mercato e convinto che un’altra società, più giusta ed equa, è possibile. Era stato rappresentante di facoltà, di quelli sempre reperibili e presenti ai consigli, e dallo scorso anno lavorava come tutor didattico, aperto e disponibile nei confronti degli studenti che riceveva.

Gianluca amava la vita, passava volentieri le serate in compagnia degli amici, non era un organizzatore né un frequentatore di droga party o festini, come qualcuno ha provato a dipingerlo. Era un antiproizibizionista convinto, un consumatore critico, un cittadino cosciente e responsabile, conosceva come tanti coetanei la cannabis, meno dannosa dell’alcol o di altre sostanze. La sua ultima sera l’ha trascorsa in tranquillità, senza eccessi, cenando con i compagni d’appartamento: chi l’ha visto se lo ricorda lucido e sorridente come sempre. Per lui quella domenica era stata una serata come tutte le altre: dopo cena, aveva portato a spasso il cane e poi era andato a dormire.

Solo i risultati dell’esame autoptico potranno fare piena luce su una morte improvvisa quanto ancora inspiegabile. Ma una cosa sentiamo di poterla affermare con certezza: non c’è nessuna relazione fra due tiri a uno spinello e la sua morte. Di marijuana non è morto mai nessuno, e sarebbe giusto anche per rispetto del dolore dei familiari, evitare conclusioni affrettate quanto improbabili.

Noi conosciamo gli amici di Gianluca. Gente incapace di far del male a chiunque, figuriamoci ad un amico. Conosciamo purtroppo anche le dinamiche investigative, che non esitano a creare lo scoop sulla pelle di ragazzi confusi e incensurati. Gli arresti per detenzione di sostanze stupefacenti e le indagini per omicidio seguite alla morte di Gianluca sono due tasselli grotteschi di un’ipotesi giudiziaria che, siamo sicuri, cadrà presto. Ma intanto avrà provocato altre vittime, altro dolore, e ucciso Gianluca due volte.

Noi vogliamo ricordarlo com’è sempre stato, presente a se stesso e agli altri, con la sua pacatezza invidiabile e rassicurante. L’Unical perde uno dei suoi studenti migliori: migliore perché Gianluca è stato uno spirito libero e critico, che con la sua sensibilità e la sua intelligenza ha arricchito questa comunità e gli amici che hanno avuto il privilegio di conoscerlo. Un insegnamento umano e politico per tutti.

| more
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading ... Loading ...

2 commenti »

  • Fiorella il 22 aprile 2011 alle 09:29 ha scritto:

    Ciao,Gianluca,sono la mamma di due dei tanti tuoi amici.Io e mio marito non abbiamo avuto il piacere di conoscerti ma conosciamo i nostri figli e abbiamo stima e rispetto per loro,quella stima e quel rispetto si estende a quanti con loro condividono l’onore e l’onere di certe battaglie.
    Ne abbiamo conosciuti altri,tutti ragazzi rispettabilissimi,che continuano a credere che un altro mondo possa e debba essere possibile.
    Eravamo venuti a Cosenza per salutari ieri,ti avevamo portato dei fiori rossi,rossi come la tua passione,rossi come il tuo impegno,rossi come i cuori spezzati dal dolore dei tuoi amici e di noi tutti.Tu non c’eri,eri già partito per il tuo paese,eri in viaggio verso casa.Abbiamo lasciato quei fiori lì,da qualche parte ma siamo certi che tu li abbia visti ed apprezzati lo stesso.
    Se è vero che da lassù tutto si può,veglia sulla tua famiglia e sui tuoi amici tutti.
    Ciao,Gianluca!

  • online make money by google adsense il 24 ottobre 2014 alle 05:59 ha scritto:

    On the plus side, writers could also include this fabric in resumes, portfolios, or blogs given that they maintain full rights.

    Most online programs usually come with ad copy and places
    to promote to help you receive off to an easy start. Till then allow me to
    share below few brief description on online part time job:.

lascia un commento:

aggiungi il tuo commento qui, o fai un trackback dal tuo sito/blog. evita di andare fuori tema o di inviare spam... se vuoi lasciare un commento generale, una jastima o un pernacchio vai sul muro