home » approfondimenti, appunti, storie

Comunicato Stampa COMITATO CITTADINI OPERAI TARANTO – “Cittadini e lavoratori liberi e pensanti”

24 luglio 2012 | francesco a.k.a. china nessun commento stampa stampa
 

Questo è il comunicato stampa del nostro comitato. Un pò alla volta, avremo una sede, un sito, una pagina facebook, ma ora siamo troppo presi dalle iniziative. Per questo chiedo a chi vuole aiutarci ed ha i contatti di tutta la stampa, di spedirlo ad ogni organo di informazione. Aiutiamoci.

Il comitato intende precisare che i suoi componenti sono tutti cittadini di Taranto.
Molti giornali ci attribuiscono appartenenza a sigle o colori politici. Non abbiamo bisogno di propaganda, non ci sono capi o gerarchie. Siamo cittadini che manifestano il proprio diritto alla vita, al lavoro. Smentiamo categoricamente l’appartenenza a movimenti politici o sindacali, siamo LIBERI e sulle nostre ragioni intendiamo contribuire alla rinascita della nostra città, da sempre oppressa da chi vuole arricchirsi sacrificando migliaia di vite.

Abbiamo partecipato alla manifestazione del 2 agosto 2012 senza creare disagi come avvenuto in quasi tutte le iniziative programmate in altri luoghi, nessun arresto, nessun ferito, nessuna carica. Solo tanta rabbia di uomini, donne e bambini che PRETENDONO il diritto alla vita, al lavoro, allo sviluppo della propria terra da sempre confiscata dallo Stato e dai mostri privati che sputano veleni. Avevamo chiesto ufficialmente a FIM FIOM E UILM, di esprimere il pensiero della città, ma non abbiamo avuto risposte in merito.
Non abbiamo bisogno di essere violenti, noi cammineremo sulle nostre ragioni, legittime, indiscutibili.   Qualcuno ha voluto far passare per estremista il nostro pensiero, a costoro diciamo:  Taranto è stata sterminata da ILVA, CEMENTIR, ENI E MARINA MILITARE, ma nonostante ciò, è una delle città col più alto tasso di disoccupazione. Fino ad oggi, di astratto ci sono le promesse di uno Stato assente e mai vicino alla nostra realtà, alla nostra disperazione, se non quando rischia i suoi interessi. Di concreto, reale, vergognosamente tangibile, ci sono i morti fuori e dentro le fabbriche, ci sono i tumori, le malattie, l’inquinamento del mare e della terra, l’avvelenamento del bestiame, la diossina nei campi, negli alimenti, nei nostri corpi.  Di questo i giornali pilotati non ne parlano, si parla di becere conte, di appartenenze a gruppi o movimenti ai quali non intendiamo precludere la partecipazione delle idee, chiunque si avvicina come cittadino LIBERO e PENSANTE, ha diritto di partecipare alle nostre iniziative, lo potrà fare senza vessilli o bandiere che fino ad oggi ci hanno diviso a vantaggio di chi ci stermina. Non siamo 50, non siamo 200 o 500, i numeri che allontanano li lasciamo a chi fa propaganda o arrivismo.
SI AI DIRITTI, NO AI RICATTI: OCCUPAZIONE,SALUTE, REDDITO, AMBIENTE.
Se per pretendere questo, dobbiamo passare per delinquenti, allora costruite un carcere in grado di contenere 190.000 cittadini lavoratori liberi e pensanti.

| more
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...

lascia un commento:

aggiungi il tuo commento qui, o fai un trackback dal tuo sito/blog. evita di andare fuori tema o di inviare spam... se vuoi lasciare un commento generale, una jastima o un pernacchio vai sul muro